Tra le due guerre

La Prima Guerra Mondiale indebolì enormemente la SME: tra la scarsità delle risorse, il regime restrittivo e i contributi finanziari per lo sforzo bellico, la società non poté evitare di essere acquisita nel settembre del 1922 dal suo concorrente: l’EELM.

 

I maggiori cambiamenti del periodo interbellico furono a livello di produzione e distribuzione del gas: nel 1935 il Governo chiese alla SBM di abbandonare la sua attività gasiera.

L’illuminazione pubblica diventò completamente elettrica e il 23 dicembre 1936 Luis II, Principe di Monaco, accordò una concessione trentennale alla SMG, Société Monégasque du Gaz, nuova filiale della CIG (Compagnie Industrielle du Gaz).

Tutta la produzione energetica di Monaco era allora in mano a società francesi.